Get Adobe Flash player

Bobcats: mai nessuno così male

26 aprile 2012, una data che Michael Jordan non dimenticherà facilmente: per uno strano scherzo del destino mentre i “suoi” Chicago Bulls chiudevano in cima alla classifica la regular season NBA, i “suoi” Charlotte Bobcats, franchigia di cui è unico proprietario dal 2010, chiudevano una stagione davvero avara di soddisfazioni in coda al gruppo, con 59 sconfitte e solo 7 vittorie (0.106)  ritoccando al ribasso il precedente (passatemi l”eufemismo) “primato”  dei Philadelphia 76ers che nel 1972-73 chiusero la regular season con 9 vittorie in 82 match (0.110).

Quella maturata di giovedì notte, contro un quintetto rimaneggiatissimo dei Knicks, è per i Bobcats la sconfitta consecutiva numero 23 (la terza più lunga di sempre come i Vancouver Grizzlies del 1995-96 e i Denver Nuggets del 1997-98) con buone possibilità, anche pescando al numero 1 del prossimo Draft, di vedere aumentare questa striscia nelle prime partite della prossima stagione.

“Non avremmo mai pensato di poter chiudere con questo bilancio. Nelle ultime dieci partite abbiamo fatto di tutto per non pensare al primato negativo e cercare di vincere il più possibile. Ma non è andata come volevamo. Non abbiamo fatto abbastanza, questo è poco ma sicuro. Di certo avremmo potuto vincere più partite.” – Gerald Henderson

E intanto MJ che fa? Tace, forse per vergogna, forse per nascondere la felicità per i “suoi” Bulls…

FONTE: Yahoo!Sports

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche