Get Adobe Flash player

Tremate tremate, i vecchietti son tornati

Il ricambio generazionale è il vero obiettivo di queste due squadre che, dopo un inizio stentao, stanno trovando il bandolo della matassa. Parliamo degli orgogliosi Celtics e dei campion di Dallas. Due squadre che recentemente hanno vinto un anello basandosi sulle stelle che ancora hanno in roster. I Celtics hanno cambiato veramente poco, in pratica è solamente aumentata l’età anagrafica, mentre Dallas ha cambiato almeno 2 uomini chiave per la conquista dell’anello ma si basano sempre sull’asse Kidd-Nowitzki.

Boston sembrava finita e si prospettava una stagione deludente che non avrebbe permesso, ai biancoverdi, nemmeno l’accsso ai playoffs. I lancieri texani sembravano dei giocatori attempati che non riuscivano a stare dietro ai pimpanti avversari. Eppure i sono rilanciate tutte e due le franchigie, Boston è arrivata al record 9 vittorie e 9 sconfitte mentre Dallas veleggia sul 12-8. Naturalmente non vuol dire che la stagione è salva o che possono dormire sonni tranquilli, ma vederli giocare senza Kidd, Dirk, Allen e Rajon e vederli vincere, da buone speranze ai tifosi delle due squadre.

Forse Dallas a Ovest ha più margine per recuerare posizioni e poter ambire ad un buon posto nei playoffs, ma Boston non si arrenderà mai, è una squadra che non bisogna mai darla per morta, soprattutto se il suo capitano, Paul Pierce, gioca come questa notte dove con i suoi 28 punti a trascinato la squadra e tutto il Boston Garden alla vittoria. Dirk oramai fa il commento tecnico er la televisione e guarda l’infortunio di Kidd in diretta, ma osserva anche con molto piacere le prestazioni di Beaubois, Odom (finalmente) e Carter (ma quante vite ha?).

Quest’anno è veramente complicato capire chi possa arrivare fino in fondo, ma piano piano si stanno delineando le forze in campo. Alcune squadre, assemblate in 2 settimane, debbono avere tempo per trovare una certa continuità, chi invece non ha cambiato molto, sa per esperienza che dovrà aspettare la seconda fase dove le cose cambiano e i veri campioni escono fuori. Boston, volente o nolente, è zeppa di campioni  e Dallas è campione in carica e tutte e due le franchigie, sanno che ad aprile le cose saranno molto diverse e chi vince desso non è deto che lo faccia dopo. Le altre squadre sono avvisate, i vecchietti son tornati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche