Get Adobe Flash player

La prima partita di Bargnani

Mancano solo 6 giorni all’inizio della stagione del massimo campionato di basket americano, ma continua il periodo della ‘preseason‘, dove le varie franchigie dell’NBA si affrontano tra loro in alcune amichevoli di preparazione. Dopo il buon debutto di Belinelli con gli Hornets di qualche giorno fa, è arrivata purtroppo un’amara sconfitta per Bargnani. Il ‘Mago’ con i suoi Raptors sono infatti stati sconfitti in casa dai Celtics per un solo punto, 76-75. Decisivo il canestro a 12” dalla fine di Greg Stiesma.

 Bargnani, che come annunciato dal nuovo coach dei canadesi, Dwain Casey, non ha giocato più come centro ma come ala forte, ha messo a segno 16 punti (2/11 da due, 2/3 da tre, 6/7 liberi) in una gara incerta fino all’ultimo. Al termine della partita, lo stesso cestista romano si sofferma sull’andamento del match e sulla sua prestazione: “Dobbiamo guardare il lato positivo. In difesa si sono viste cose buone, abbiamo fatto un buon lavoro ma abbiamo perso e dal punto di vista offensivo non è stata una gran partita. Inoltre devo essere un rimbalzista migliore, devo provarci. Veniamo da una dura settimana di allenamenti, le gambe sono pesanti per tutti. Ma abbiamo talento in attacco, segnare non è mai stato un problema per noi e quando troveremo l’equilibrio le cose saranno diverse”.

In linea di massima si prospetta una stagione favorevole per Andrea, soprattutto se saprà sfruttare le sue doti offensive e se migliorerà nei fondamentali richiesti dal nuovo sistema di gioco. Il punteggio basso è indicativo per far capire quanto stia lavorando Toronto in difesa, il risultato non conta.

Nelle altre gare della notte, hanno giocato le ultime due finaliste della scorsa stagione, i Mavericks e gli Heat. I detentori del titolo, privi di Nowitski e Kidd, hanno perso 106-92 contro gli Oklahoma City Thunder di Kevin Durant, mentre la franchigia di Miami ha inflitto una dura lezione ai Magic, vincendo 118-85 e con il grande trio James-Bosh-Wade (19 punti per il primo, 14 per gli altri due) protagonista mentre ha deluso Dwight Howard che ha messo a referto solo 5 punti ma è evidente che ha la testa altrove, in attesa di essere ceduto con i Lakers sempre alla finestra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche