Get Adobe Flash player

Tutti parlano di LeBron

In questi giorni di afa, senza basket giocato, con il mercato che sembra quasi in stand-by in attesa dello scellerato annuncio del lockout (Dio ce ne scampi, ndr), il passatempo preferito dai protagonisti dell’NBA sembra essere: parlare di LeBron James. E’ indubitabile che il fenomeno mediatico che James incarna sia un tocca sana per tutto il movimento NBA dato che fa parlare di sé non solo per le grandissime (o pessime) prestazioni che propone, ma anche per tutte le sue vicissitudine al di fuori del campo.

In ordine temporale, il primo a parlare di LeBron è stato Amar’e Stoudemire. A seguito delle tante critiche che LeBron ha ricevuto per le sue prestazioni non certo brillanti nelle Finals, il lungo dei Knicks ha esplicitamente invitato James a comportarsi differentemente in pubblico e con il pubblico, criticando le dichiarazioni che rilasciò James dopo la sconfitta:

“Penso che debba comportarsi in maniera tale che la gente lo senta vicino. Più la gente riuscirà ad entrare in contatto con lui, più lo apprezzerà. Io al suo posto avrei detto altre cose. Un esempio è Michael Jordan. L’ex Bulls è amato perché è tuttora in contatto con la gente. Penso che LeBron sia ancora giovane ed ha tempo per riavvicinarsi al pubblico” – Amar’e Stoudemire (centro dei New York Knicks)

Ancor più diretto è stato Doc Rivers, coach dei Boston Celtics che ha definito le critiche ricevute da James dopo la sconfitta nelle Finals eccessive, indicando ancora nelle dichiarazioni rilasciate da LeBron il maggior colpevole.

“Molte critiche se le è tirate addosso da solo rispondendo lui in prima persone alle domande che gli sono state fatte dopo Gara 3. Avrebbe dovuto dire, non mi rompete le scaole lasciando stare i giornalisti” – Doc Rivers (head coach dei Boston Celtics)

Se Amar’e, criticando James, ha voluto dargli un consiglio e Doc Rivers lo ha, di fatto, definito un ingenuo nel “cadere nell’imboscata dei giornalisti”, di tutt’altro avviso è stato Shaquille O’Neal. Fresco di ritiro dall’attività cestistica, l’ex lungo di Lakers, Miami e Boston (solo per indicare alcune delle sue ex squadre), Shaq ha avuto dure parole per James, dichiarando di non essere disposto a dare consigli di nessun genere a James. Parole che comunque lasciano trapelare una certa stima nei confronti del “Prescelto”:

“Non gli darei mai consigli! L’esperienza è la migliore delle maestre. Michael Jordan una volta mi ha detto: ‘Devi cadere prima di poter camminare'” – Shaquille O’Neal

Come si dice, se ne parli bene o se ne parli male, purché se ne parli…ma forse James farebbe veramente bene a sfruttare la sua visibilità mediatica per creare consensi intorno alla sua persona e non continuare a crearsi antipatie. Parola di 3 illustri signori della NBA…una cosa, però, dovrebbe far pensare: 2 grandi giocatori come Stoudemire e O’Neal hanno voluto indicare a James un campionissimo come Michael Jordan come esempio da seguire. In altre parole: caro “Prescelto” di strada ne ha ancora da fare…ma il tempo e i mezzi sicuramente non ti mancano, datti da fare!

13 risposte a Tutti parlano di LeBron

  • fabio palma scrive:

    Leggevo della mancanza di Fade Away , tiro da tre, etc etc…sono passati due gg dalla partita PO contro Toronto…ed è il 2018. E direi che oggi come oggi a Lebron manca solo il gancio cielo di Kareem e se vogliamo il tiro da tre da 9 metri di Curry e i movimenti da centro di Olajuwon. In tutti e gli altri fondamentali o movimenti anceh non fondamentali ma che, apèpunto come il fade Away, fanno la storia del gioco del basket, ha mostrato il meglio mai visto o giù di lì. Per dire, ormai negli assist possiamo dire che fa cose viste solo da Magic, Nash, e Stockton…Fade Away, io così pulti e preciso l’ho visto fare solo da Kobe e Mj…etc etc….sono passati 7 anni da questa discussione di forum, fra 7 anni si sarà ritirato ma intanto, intanto, questo atleta ci ha fatto vedere cose che rivedremo, se va bene, fra 15 anni.

  • AleMos scrive:

    lo dice la nike? hai mai visto una partita di james? perchè da come parli sembra che parli solamente per antipatia. l’odio ti annebbia il cervello e non ti va valutare un giocatore? spero che sia questo, altrimenti vuol dire che di basket ci capisci ben poco.

  • OTTAVO NANO scrive:

    A me sta antipatico, e quindi preferirei vincessero altri, ma comunque glielo auguro…altrimenti passerà alla storia come il più sopravvalutato, pagato e antipatico giocatore dell’NBA! Non proprio il massimo…

  • Alex88 scrive:

    vincerà, vincerà…

  • fabiostoppani scrive:

    Su questo concordiamo pienamente

  • OTTAVO NANO scrive:

    Non credo lo sia fabiostoppani…ma una cosa è certa più o meno forte tecnicamente LBJ, per ora, non è il campione che è MJ.

  • fabiostoppani scrive:

    Perdonami Ottavo Nano ma che LBJ sia tecnicamente più forte di Michael Jordan la ritengo una bestemmia…

  • OTTAVO NANO scrive:

    LeBron è un ottimo giocatore che tecnicamente e fisicamente è probabilmente più forte di MJ (che invece mentalmente gli era anni luce superiore), che però è riuscito a vincere giusto qualcosina nella sua carriera…è vero che Jordan ha vinto tardi il suo primo anello, ma ha anche iniziato più tardi in NBA, non era stato scelto con la n°1 al draft (quindi il suo talento non era stato riconosciuto da subito), ha avuto un infortunio che gli ha fatto perdere più di mezza stagione.

    LeBron invece ha perso molte occasioni per vincere l’anello: con Cleveland aveva una squadra da far paura, per me più forte e completa di Miami e degli stessi Bulls (gli ultimi, i primi anelli di MJ sono arrivati con una squadra quasi ridicola!): Mo Williams, Delonte West, Ilgauskas (quando faceva la differenza in campo) solo per fare alcuni nomi erano garanzia di giocate offensive e difensive.

    Tra l’altro il motivo per cui James avrà sempre difficoltà nel vincere qualcosa è la sua mancanza di una “giocata certa” un tiro piazzato, un fade away alla Nowitzki o le penetrazioni di Wade. LeBron non è tiratore da 3 (alterna partite da 70% ad altre da 20%), non è un penetratore indefesso, non è un tiratore dalla media. E’ in grado di far tutto, ma ha una giocata cui affidarsi in caso di bisogno.

    Ovvio possa ancora vincere tutto…ma se non cresce mentalmente, vincerà solo se avrà un compagno che lo trascinerà

  • fabiostoppani scrive:

    Io mi chiedo ancora come ANCORA dopo 8 anni di NBA possa esser definito IL PIU FORTE DI TUTTI. Su quali basi? SU QUALI BASI?? Perché è davvero il più forte di tutti o perché ce lo dice la NIKE? E’ tra i primi 5 della Lega ormai da anni, è il più forte atleticamente? Probabilmente si. E’ il più forte tecnicamente? Assolutamente no. E’ quello con più abilità? No. Mentalmente? No. E’ un vincente? Assolutamente NO. Detto questo stiamo parlando di un atleta di quasi 27 anni che da 8 anni prova a vincere un anello senza successo. Che per vincerlo ha dovuto cambiare casacca e non farla cambiare agli altri come già fece qualcun altro… Che per vincerlo ha scelto la squadra di un certo Wade che a mio modesto parere e per tutte quelle caratteristiche sopracitate è questo SI davvero un fenomeno. Un marziano. E tutta quella robina che magari affibbiamo al “prescelto”.
    Detto questo ancora non riesco a capire su quali basi debba esser considerato il migliore. Davvero non me lo spiego. Il migliore è stato Kobe per anni. E probabilmente il migliore sarà Kevin Durant, questo si davvero un giocatore che ha del potenziale per raggiungere livelli che solo in pochi riescono a raggiungere.

  • Alex88 scrive:

    nelle finals ha avuto un crollo mentale, è anche lui un essere umano, ma chi capisce di pallacanestro sa benissimo che ha le potenzialitàdi essere addirittura piu forte di michael jordan, si può vedere dai movimenti, dal fisico, dalla precisione, dalla potenza, dal controllo di palla è il giocatore prototipo della perfezione, è vero ha una testa calda, forse è il suo difetto, ma c’è poco da fare, antipatico o no: E’ IL PIUì FORTE DI TUTTI.

  • alberto scrive:

    non è assolutamente il più forte di tutti. in nba ce ne sono notevolmente meglio di lui, sia come tecnica, sia come simpatia, a parte MJ, ricordiamoci anche come ci sapevano fare con il pubblico Barkley, Stockton, Bird, Magic e Shaq.
    quando imparera a comportarsi come i sopracitati, solo allora potrà dirsi un campione.

  • Anonimo scrive:

    Si e proprio visto come sia il più forte…

  • Alex88 scrive:

    e’ il più forte di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovaci su facebook!

Seguici su Twitter!

Rubriche