Get Adobe Flash player

Scott Brooks lascia i Thunder, le reazioni

Scott BrooksEra già nell’aria da un po’ di tempo ma la conferma ufficiale è arrivata solo ieri quando, con un comunicato ufficiale, i Thunder hanno esonerato Scott Brooks.

Una decisione difficile da prendere stando a quanto riporta la CBS che, citando direttamente il vice presidente Sam Presti, dice senza troppi giri di parole: «Non è stata una decisione facile visto che Scott, nei sette anni passati con noi lascia una traccia importante nell’identità dei Thunder, guadagnandosi di diritto un posto nella storia di questa società. Nella scorsa stagione abbiamo affrontato belle sfide e sono sicuro che in pochi sarebbero riusciti a fare quello che è riuscito a Scott. È importante ribadire che la decisione di cambiare allenatore non dipende da quello che è successo quest’anno, ma è la diretta conseguenza di ciò che è necessario per continuare a crescere. Il nostro obiettivo è e resta portare il titolo ad Oklahoma City».

Continua a leggere

Hawks e Grizzilies sul 2 a 0, Spurs riaprono la serie

duncan millsI ragazzi di coach Mike Budenholzer, fresco di premio come miglior allenatore in stagione, confermano ancora una volta di aver meritato il primo posto ad Est e portano la serie contro i Brooklyn Nets sul 2 a 0. La partita è stata praticamente sempre nelle mani di Atlanta che però nel finale rischia quando Deron Williams fallisce il piazzato che avrebbe regalato ai suoi la parità con poco meno di un minuto da giocare.

Per gli Hawks solito gioco in attacco con una circolazione di palla che non permette ai Nets di difendere, ma stavolta le percentuali non sono all’altezza. 39% dal campo per la squadra di Atlanta e 3 triple di Kyle Korver, che però ha il merito nel finale di mettere entrambi i tiri liberi a disposizione per portare a casa Gara 2.

Continua a leggere

Messina: «Per Gara 2 avremo bisogno di tutti»

ettore messina nbaDimenticare, correggere gli errori di Gara 1 e ripartire. A San Antonio sono tutti concentrati per la seconda sfida in casa dei Clippers, già fondamentale per il proseguo della corsa. Dopo il netto ko di domenica (107-92), gli Spurs sanno di non poter sbagliare anche il match di questa notte allo Staples Center di Los Angeles.

A suonare la carica ci pensa Ettore Messina. Il coach italiano, vice di Gregg Popovich, ha parlato con Gazzetta.it, indicando la strada per rimettere subito in parità la serie. «Avremo bisogno dell’apporto di tutti. Abbiamo la seconda migliore panchina dell’NBA come numero di punti segnati, mentre la loro è più corta. Dovremo cercare di sfruttare questo vantaggio».

Continua a leggere

La NBA giocherà il suo primo match in Africa il prossimo 1 agosto

Memphis Grizzlies v Los Angeles Clippers - Game FourLa National Basketball Association (NBA) e la National Basketball Players Association (NBPA) hanno annunciato oggi che la prima partita NBA in Africa si terrà il prossimo 1 agosto alla Ellis Park Arena di Johannesburg, Sudafrica.

La partita prevederà il format Team Africa vs. Team World e verrà giocata per supportare Boys & Girls Clubs of South Africa, S.O.S Children’s Villages South Africa e la Nelson Mandela Foundation. Il Team Africa sarà composto da giocatori africani fino alla seconda generazione, mentre il Team World sarà formato da giocatori provenienti dal resto del mondo.

Continua a leggere

Batum chiede scusa per il messaggio contro gli spagnoli

marc gasol grizzliesEcco arrivare le scuse del giocatore dei Portland Trail Blazers per il cartello appeso negli spogliatoi del FedEx Forum prima del match contro i Memphis Grizzlies. Sul “corpo del reato” c’era scritto: “Non perdiamo contro gli spagnoli. Nessuno può batterci otto volte in un anno, vinciamo questo battaglia! Se giochiamo come una squadra batteremo i Memphis stasera e tutte le prossime volte. Quando giochiamo siamo i migliori – e poi citando il motto dell’Oregon – uniti attraverso le avversità.”

Batum, francese di nascita, ha cercato di giustificare questo vero e proprio attacco frontale nei confronti della star iberica dei Grizzlies Marc Gasol, chiamando in causa l’accesa rivalità sportiva tra il suo paese e la Spagna. Non aveva intenzione di attaccare nessuno, aggiungendo di non aver sentito la federazione ma di essere comunque pronto in ogni momento a scusarsi con Gasol e con chiunque si sia sentito offeso.

Continua a leggere

Cavs, Raptors e Wizards si portano sul 2-0

john wall nene wizardsSeconda giornata delle serie Playoff e il fattore campo continua ad essere decisivo. Houston mostra il suo lato migliore in Gara 2 contro i Mavs e da quelle parti il pensiero torna i tempi degli “Phi Slamma Jamma” Clyde Drexler e Hakeem Olajuwon. La coppia Howard-Smith si prende la scena con una serie di schiacciate spettacolari e il centro ex Lakers termina la gara con 28 punti e 12 rimbalzi.

James Harden sembra voler riposarsi viste le performance dei suoi lunghi e chiude la partita con “soli” 24 punti, tutti nel primo tempo. Per i Mavs non è tutto da buttare visto che fino all’inizio del quarto periodo la partita era ancora in bilico; c’è da mettere a posto la difesa sul pick’n’roll, ma contro Harden e due lunghi di quel livello forse c’è veramente poco da fare, specialmente quando sono in serata.

Continua a leggere

Mike Budenholzer allenatore dell’anno. Numeri e curiosità

mike budenholzerMike Budenholzer è stato nominato allenatore della dell’anno in NBA dopo la grandissima stagione che ha portato gli Atlanta Hawks al il secondo miglior record della lega e al primo posto della classifica della Eastern Conference. Budenholzer ricevuto 67 voti su 130 per il primo posto voti e 513 punti complessivi, finendo proprio davanti all’allenatore dei Golden State Warriors Steve Kerr, che sembrava il vincitore annunciato.

Gli Hawks hanno chiuso con lo score di 60-22 questa stagione, la seconda con Budenholzer in panchina, finendo con il miglior record di regular season nella storia della franchigia.

Continua a leggere

Agli Spurs il premio di squadra più costosa dei Playoff NBA

duncan parker ginobili spursÈ risaputo il fatto che gli Spurs siano una delle squadre più di successo dell’NBA negli ultimi anni e non sorprende nessuno se i biglietti per i playoff siano tra i più costosi. Come ha notato il giornalista W. Scott Bailey la media del biglietto in questo post stagione si aggira attorno ai 321 dollari, attestandoli come terzi nella classifica generale dei prezzi.

Certo dopo la sconfitta rimediata contro i Los Angeles Clippers, un ribasso c’è stato visto che sono scivolati al di sotto dei Golden State Warriors, Toronto Raptors, Chicago Bulls e Houston Rockets ma non è da escludere una risalita nei prossimi giorni e non bisogna stupirsi se il biglietto per gli Spurs possa superare di almeno un paio di posizioni una di questa squadre.

Continua a leggere

Meglio MJ o LeBron? Finisce in rissa

jordan 86Curioso fatto di cronaca a State College, Pennsilvanya, dove nella notte tra venerdì e sabato una discussione su chi fosse il miglior tra Michael Jordan e LeBron James è sfociata in una vera e propria aggressione. Protagonista è Daniel Mondelice che, stando a quanto riporta il Centre Daily Times, avrebbe iniziato a discutere sempre più animatamente con uno sconosciuto sino all’arrivo della polizia.

Non è ancora chiaro per chi parteggiasse il ventiduenne, sappiamo però che i suoi i guai non erano ancora finiti: rilasciato subito su cauzione, avrebbe passato il resto della serata a casa di un’amica, per essere riarrestato visto lo stato di sovraeccitazione ed aggressività. Non sappiamo se oggetto del contendere fosse ancora il basket, ma è sicuro che abbia avuto tutto il tempo di sbollire la rabbia visto che fonti della polizia riportano non avesse altri soldi per la seconda cauzione.

Continua a leggere

Splash Brothers ancora decisivi per gli Warriors, Bulls vincono un’altra battaglia

bulls bucks rissaEnnesimo show per gli Splash Brothers nella partita della notte, 48 punti in due che trascinano alla vittoria in Game 2 per gli Warriors. Stephen Curry, sempre più vicino al titolo di MVP, non è stato perfetto (ha realizzato un 9/21 dal campo), ma è stato in grado di creare spazio per Klay Thompson, che ha chiuso con 26 punti.

I Pelicans hanno giocato abbastanza bene e dopo tre quarti erano ancora in partita, ma gli Warriors hanno alzato le percentuali nel quarto periodo in un modo tale da non permettere agli avversari di tenere il passo. Thompson ha chiuso con 11/17 dal campo, mentre Anthony Davis anch’esso con 26 punti alla fine, non è bastato per battere i primi classificati ad Ovest.

Continua a leggere

Datome: «Spero di avere offerte in estate, ma ora penso solo ai Playoff»

datome celticsSono stati in molti ad aver conquistato durante gli anni l’affetto e l’ammirazione del Td Garden ma solo in pochi hanno conquistato così velocemente la venerazione che i fan dei Celtics tributano all’italiano Gigi Datome. Una cosa del tutto incredibile se si pensa che fino a qualche tempo fa il nostro faceva panchina fissa a Detroit in attesa che qualcuno come Brad Stevens lo valorizzasse come si deve.

Una possibilità che Gigi non si è fatto sfuggire ma di cui, anzi, ha subito approfittato con una media di 47,2% da 3 punti dando così ai Celtics la possibilità di partecipare a più competizioni.
Se poi aggiungiamo che nel finale della regular season Datome ha scolpito un vero e proprio record personale segnando ben 22 punti in poco più di 27 minuti contro i Bucks non c’è da stupirsi che il suo ingresso sul parquet sia sempre accolto da ovazioni ed urla di giubilo.

Continua a leggere

VIDEO: Nowitzki se la prende col microfono

nowitzki microfonoSimpatico siparietto nella conferenza stampa a seguito dell’apertura dei playoff per i Mavericks. Nowitzki sembra perdere la calma, non tanto per la sconfitta rimediata contro i Rockets o per le domande di qualche cronista indisponente ma perché inseguendo chissà quali pensieri non pensava che il microfono funzionasse.

WunderDirk ha iniziato battendoci le dita prima leggermente e poi con violenza, quindi pensando a chissà cosa, come se nessuno lo vedesse o lo potesse sentire, lo ha gettato via dal nervosismo.
Il divertente è che il microfono stesse funzionando per tutto il tempo e che alla fine anche Nowitzki l’abbia potuto constatare con un amaro sorriso riparatorio.

Continua a leggere